Special exhibition at Dresdengallery in Second Life: Canaletto – Views of the Canal Grande in Venice (10. 5. – 27. 7. 2008)

di Andreas Henning

 

The Gemaeldegalerie Alte Meister of the Staatliche Kunstsammlungen Dresden (Germany) recently opened a virtual clone: the museum can be visited online in Second Life®. The magnificent rooms of the museum have been reproduced in three dimensions and true to scale, and all 750 masterpieces in the exhibition are on display (figg. 1-2). The doors are open 24 hours a day, 7 days a week. Visitors can view the art, chat with each other, access information about the works of art, participate in art education events, note their impressions in the guestbook or browse in the shop – all in real time. Since the opening at the end of May 2007 nearly 40.000 users have visited the virtual museum.
The virtual Old Masters Picture Gallery is located on the “Dresden Gallery” island, which has a surface area of more than 300,000 square metres. A homepage has been created specially for this project: www.dresdengallery.com. The homepage has a link whereby members of the Second Life community can beam themselves directly to the museum. To do this you have to have a persona, known as an avatar, in Second Life (free of charge with the basic account).

On May 10th 2008 we opened the special-exhibition Canaletto – Views from the Canal Grande in Venice at the Old Masters Picture Gallery in Real Life (10th May – 27th July 2008). A unique innovation is the presentation of the whole exhibition in “Dresdengallery” (figg. 4-5). The Old Masters Picture Gallery holds a superb ensemble of views of Venice from the hand of the young Canaletto (1697-1768). Painted around 1725, they are indisputably among the highlights of the history of vedute painting. The exhibition concentrates on the Canal Grande. This splendid Venetian waterway was the subject of many paintings and engravings by Canaletto and his contemporaries. Two of the vedute by Canaletto were recently restored with the support of the J. Paul Getty Trust (Los Angeles) and now being placed on public display for the first time in Dresden (fig. 6). The exhibition not only explains the restoration process but also provides fascinating insights into the artist’s painting technique with the aid of x-ray and infrared images. An introduction section of the show presents striking examples from the history of European veduta painting (among them Gaspar van Wittel, Luca Carlevarijs and Bernardo Bellotto). Since many artists of the time used the camera obscura as a drawing aid to capture reality, an entire section of the exhibition is dedicated to this optical device. All 26 objects in the exhibition – paintings, engravings, historic books and two models of a camera obscura – are on display at “Dresdengallery” as well. Furthermore, some information is only available in web 2.0: for example, the x-ray images can be superimposed over the two restored masterpieces so as to give an insight into the artist’s painting technique.

The interactive features of the virtual Old Masters Picture Gallery at a glance are:
- The museum, with all its 750 masterpieces, can be visited in real time and visitors can communicate with each other. 
- Visit the special exhibition “Canaletto – Views from the Canal Grande in Venice” (May 10 – July 27 2008).
- Basic information about each work of art can be obtained with one click.
- Enjoy the Audio guide (Acoustiguide, Berlin).
- A ground plan can be accessed at any time to help visitors find their way around. 
- Special events will be offered by the Museum Education department, such as guided tours or discussions on selected works of art are available under the label “Art(ificial)”.
- Visitors can record their impressions in the Guestbook (the entries will be published on the project homepage: www.dresdengallery.com).
- The shop offers virtual products such as posters and clothing printed with art motifs. And free of charge as an introduction!

Dresden’s Old Masters Picture Gallery is the first museum worldwide to have responded to the new challenges of the web by producing a genuine 1:1 clone of itself. This concept is therefore fundamentally different from the many purely fictitious museum creations on the web which have no counterpart in real life.
The Zwinger, one of the most beautiful Baroque buildings in Dresden, has been reproduced in full on “Dresden Gallery” (fig. 3). Part of the Zwinger is the large building of the Old Masters Picture Gallery, built in the mid-19th century in Neo-Renaissance style. The whole of the gallery building is on view: the foyer, the staircases, all 56 halls and cabinets, and every one of the paintings, pastels and tapestries.
The presentation of the Old Masters Picture Gallery Dresden in Second Life (figg. 1-2) is an experiment to investigate new communication strategies. The experiment is based on the working hypothesis that for the first time two key experiences characteristic of a museum visit can be reproduced on the new three-dimensional web: namely, space and interaction. The experience of the museum space is an essential aspect of any museum visit. Viewing a work of art from a distance, gradually approaching it, then focusing on details and finally comparing it with other works in the same room – all these movements affect the visitors’ reception of the museum experience. Another core aspect of a museum visit is the social component. Whether explicitly or simply in silence, the individual visitor is always involved in interaction with other visitors and experiences walking through the museum as a social activity.
Space and interaction, two fundamental aspects of a museum visit, can be replicated by the presentation of the Old Masters Picture Gallery Dresden in Second Life, but that doesn’t make a virtual visit a substitute for the real thing. The virtual museum is intended to arouse curiosity and encourage people to visit the museum in real life. Criticism of all the reproductive techniques that have appeared on the market over the centuries has repeatedly shown that media presentations can only be allusions and must remain allusions. The virtual counterpart of the museum cannot replace the key feature of a museum visit, namely the sensual perception of the original. The virtual visitors are therefore explicitly asked in the Guestbook section what they consider to be the difference between viewing a work of art in real life and in Second Life.

No previous reproductive medium has so far succeeded in providing such an effective spatial impression of a museum visit in real time, even though the history of museums has always been intimately bound up with the history of reproductive media. For example, in 1753, shortly after Augustus III, Elector of Saxony and King of Poland, had opened the Old Masters Picture Gallery, the “Königliches Galeriewerk” was published, presenting the highlights of the collection in the form of large-format engravings. Over the centuries, new media have constantly been used, from photography to the CD-ROM. Therefore it lies in the logic of the historical development of the media in relation to museums that we should now take on the challenge of experimenting with the possibilities presented by web 2.0 technology, providing a worldwide community with access to a 3-D virtual reproduction of the museum.
The concept behind Second Life differs from traditional online games in that the focus is on social interaction and the production of content. An exceptional feature of the community is therefore that its gender and age structure is completely different from that of other platforms. The average age of the Internet community is above 30, which is surprisingly high, and whereas most web games are dominated by young, almost exclusively male players, the gender distribution in Second Life is approximately equal. The members of Second Life therefore constitute an interesting clientele for museums. The virtual presentation of the Old Masters Picture Gallery will raise crucial questions that will provoke discussion of how museums view their role in the 21st century. The reactions of the Second Life residents and of our visitors and the public in general are important to us, and controversial debate about the involvement of the Old Masters Picture Gallery in the world of Second Life is highly desirable.
 

Website:
www.dresdengallery.com
Our cooperation partners:
- Institut fuer Kommunikationswissenschaft der Technischen Universitaet Dresden (Institute of Media and Communications, Dresden University of Technology).
- Auswaertiges Amt, Berlin (Federal Foreign Office, Berlin).
- Wissenschaftsjahr 2007. Die Geisteswissenschaften – ABC der Menschheit (Year of Science 2007. The Humanities – the ABC of the Human Race).
Design and Development:
SECOND INTEREST AG – virtual business solutions, Berlin (since Mai 2008).
Avantgarde Gesellschaft fuer Kommunikation, Munich (April 2007 – April 2008).
Idea and project management:
Dr. Andreas Henning
Curator of Italian paintings
Old Masters Picture Gallery
State Art Collections Dresden
(May 9th 2008)



foto
Dresdengallery: Hall of Raphael’s “Sistine Madonna”

foto
Dresdengalley: Hall of the Tapestrie

foto
Dresden and the Zwinger

foto
Dresdengallery – Special exhibition “Canaletto – Views from the Canal Grande in Venice“ (10. 5 – 27. 7. 2008)


foto
Dresdengalley – Special exhibition “Canaletto – Views from the Canal Grande in Venice“ (10. 5 – 27. 7. 2008)

foto
Canaletto, View of the Canal Grande from Campo San Vio

 


I Primitivi italiani in Finlandia: formazione del gusto e identità nazionale

di Stella Bottai

 

“L’uomo moderno cerca ovunque un’arte che sappia molto di terra.
Non il Cinquecento, ma il Quattrocento, è il beniamino della nostra generazione:
non dello spiccato senso della realtà, l’ingenuità dello sguardo e del sentimento,
ma spesso ancor di più una violenza austera e una grandezza che esaltano la realtà”[1].

 

La fortuna dei Primitivi italiani nella storia del collezionismo finlandese è un soggetto ancora poco studiato in maniera organica nel paese scandinavo, e pochissimo conosciuto al di fuori di esso[2]. Se si eccettua la recente monografia su Eliel Aspelin-Haapkylä[3] e le pubblicazioni di Osvald Sirén[4], importanti figure nell’ambito del collezionismo, su cui torneremo più avanti, la bibliografia su questo tema si compone per lo più di pochi articoli pubblicati nel corso dell’ultimo cinquantennio[5]. Diversamente, le opere d’arte del Cinquecento e del Seicento italiano presenti in Finlandia sono state oggetto di mostre e approfondite ricerche[6].
I motivi di questo modesto interesse sono diversi: si tratta di un ristretto gruppo di opere, provenienti da un esiguo numero di collezionisti che, nella seconda metà del XIX secolo,se non erano disponibili sul mercato locale opere di artisti contemporanei finlandesi, acquistavano i maestri fiamminghi e olandesi del Cinque e del Seicento[7].  Le collezioni così formatesi (Aspelin-Haapkylä, Antell, Sinebrychoff, Okkonen, Amos Anderson), poi confluite in fondazioni e musei pubblici, presentano oggi allo studioso lo spinoso problema delle attribuzioni ottocentesche, a volte alquanto disinibite. Negli ultimi anni direttori e curatori museali hanno dato avvio a una revisione generale di tali attribuzioni: ne risulta che, se da una parte sono scomparsi alcuni grandi nomi della storia dell’arte, si delinea dall’altra la vivacità del mercato di opere d’arte italiane che da Venezia, da Firenze, ma anche da Londra e da Stoccolma, viaggiavano verso Helsinki. 
Sebbene sia complesso parlare del collezionismo dei Primitivi italiani in Finlandia, l’argomento offre la possibilità di conoscere un aspetto della storia del gusto nei paesi scandinavi, dai primi timidi accenni alla fine del XIX secolo[8], fino all’affermazione di una tendenza culminata in campagne di acquisti, durate fino alla prima metà del XX secolo. Vediamo alcuni aspetti della genesi di questo gusto italianizzante.

Nella seconda metà dell’Ottocento gli storici dell’arte e i collezionisti finlandesi (in molti casi le due figure si identificano nella stessa persona) furono pionieri nel comprendere l’importanza dei revival nazareni e preraffaelliti, che avevano già contribuito alla formazione di importanti collezioni d’arte antica italiana (per esempio,in Inghilterra la Arundel Society ). Le vicende storiche del paese non ne avevano infatti facilitato l’ingresso in tempi più antichi: nel 1809 la Svezia cede la Finlandia alla Russia, ritardandone i contatti con la cultura tedesca, e da lì a pochi decenni la ‘questione nazionale’ spinge i finlandesi ad opporsi alle secolari dominazioni svedesi e russe per cercare entro i propri confini un comun denominatore culturale[9]. L’Inghilterra vittoriana, più che la Germania nazarena, offrì allora ai finlandesi una cultura artistica alternativa ‘nuova’ a cui ispirarsi (anche, se di fatto, era uno sviluppo di quella tedesca). Crebbe l’interesse degli architetti per il revival gotico di Pugin, degli artisti per la rivista The Studio, per la pittura preraffellita, per un immaginario, colorato, Medioevo letterario. Non stupisce di trovare allora, nelle sale della biblioteca del British Museum, il professore di storia dell’arte J.J.Tikkanen, tra i primi a occuparsi di arte primitiva italiana in Finlandia, intento a svelare agli occhi del pittore Akseli Gallen-Kallela le cromìe accese e vellutate dei codici miniati, di cui si infatuarono a loro tempo anche Dante Gabriel Rossetti, Edward Burne-Jones e William Morris[10]. Interessato all’arte italiana medievale – Tikkanen pubblicò importanti studi su Giotto e sulle rappresentazioni della Genesi in San Marco a Venezia – ebbe in patria un importante ruolo come committente: progettando un museo delle copie dell’arte italiana rinascimentale, incaricò giovani talentuosi artisti di riprodurre i capolavori degli antichi maestri. I conventi, le chiese, i musei di Firenze, di Siena e delle province toscane si popolarono di copisti finlandesi, intenti a realizzare riproduzioni esatte dei grandi maestri: Ellen Thesleff copiò le opere di Masaccio, Beato Angelico e Botticelli, Helene Schjerfbeck quelle di Giotto e di Cimabue, Magnus Enckell opere di Leonardo e Masaccio[11], solo per citare alcuni nomi.
Gli stessi artisti che copiavano in Italia, completavano poi la loro formazione a Parigi, incoraggiati anche dai successi del loro connazionale Albert Edelfelt ai Salons. Partiti per dipingere la vie moderne, nella capitale francese i pittori vennero a contatto con le collezioni italiane del Louvre, vi copiarono gli antichi maestri[12], videro le pitture di Puvis de Chavannes al Pantheon, che ammiravano per l’austera grandiosità che gli ricordava gli affreschi rinascimentali. Questo silenzioso esercito di giovani copisti e talentuosi pittori che si muoveva fiducioso tra l’Italia, Parigi e Helsinki contribuì  non poco a un delicato slittamento del gusto, in Finlandia, verso l’arte italiana: gli artisti della cosiddetta “Età d’oro” dell’arte finlandese - Helene Schjerfbeck, Elin Danielson Gambogi, Ellen Thesleff, i pittori della Giovane Finlandia (in finlandese Nuori Suomi) Akseli Gallen-Kallela, Hugo Simberg, Pekka Halonen, Eero Jarnefelt, Juho Rissanen, Magnus Enckell - vennero in Italia per studiare l’arte antica e tornarono in patria come ‘creatori’ di uno stile pittorico nazionale, che seppe sintetizzare elementi della tradizione figurativa e letteraria locale con la grande tradizione italiana rinascimentale della tempera e dell’affresco[13]

Il primo collezionista: Aspelin-Haapkylä

La raccolta di Primitivi italiani ad oggi più significativa per numero e qualità delle opere si trova al Sinebrychoff Art Museum, il museo satellite della Galleria nazionale finlandese dedicato all’arte straniera. In esso sono confluite le opere raccolte dal primo e principale collezionista dell’epoca, il professor Eliel Aspelin-Haapkylä, che fece prova di “una lungimiranza rara all’epoca acquistando, durante il suo soggiorno in Italia, opere d’arte del pre-Rinascimento e del Rinascimento, che era ancora possibile acquistare negli anni 1890 a Roma, Firenze, Venezia”[14] . La sua tesi di dottorato sui polittici e la scultura medievali fu la prima tesi di storia dell’arte in lingua finlandese[15], dato importante poiché, all’interno della questione sul recupero della lingua finlandese a discapito dell’egemonia linguistica e culturale svedese e russa, ci informa che gli studi medievali si legarono alla questione nazionale, caratterizzandosi come una peculiarità dei filo-finlandesi[16].
Aspelin-Haapkylä, viaggiatore, conoscitore, studioso e amico dei principali artisti contemporanei lega al suo nome oggi una decina di opere di autori italiani tra XIV e XV secolo, acquistate a partire dagli anni 1870-80: Niccolò di Segna, Bicci di Lorenzo, Pier Francesco Fiorentino, il Maestro della Predella Sherman, Zanino di Pietro da Venezia, Giovanni Battista Bertucci, Ugolino da Siena (fig. 1). Mirabili, un’Adorazione dei Magi di Giovanni Boccati e un frammento di affresco con Santa Caterina con la Vergine e il Bambino, attribuito a Maestro umbro. In particolare, l’opera di Giovanni Boccati è un olio su tavola che Aspelin-Haapkylä acquistò a Venezia nel 1900, ma i primi acquisti risalgono agli anni Settanta. Osvald Sirén lo giudicò il capolavoro della collezione, sebbene fosse pessimo lo stato di conservazione[17], e lo attribuì a Giovanni Boccati sulla base di un confronto con un’opera di Perugia.
Oltre ad essere la prima di tale genere, la collezione Aspelin-Haapkylä fu particolarmente significativa per la storia del collezionismo finlandese se si considera che il paese non possedeva una collezione reale, come in Svezia, né imperiale come in Russia. Alla fine dell’Ottocento, chi avesse voluto ammirare opere dei Primitivi italiani, avrebbe dovuto recarsi all’Ermitage. In Svezia, sull’altro versante del Baltico, mancava altresì un’importante collezione di maestri italiani della scuola italiana, poichè fu portata in Italia nel Seicento dalla regina Cristina, quando questa abdicò in favore del fratello[18].

I consulenti
La collezione Aspelin-Haapkylä, abbiamo detto, è oggi conservata all’interno della residenza della famiglia Sinebrychoff, il museo dell’arte straniera. La collezione Sinebrychoff occupa la maggior parte delle sale museali, e rappresenta un modello di collezionismo della nuova borghesia mercantile finlandese della fine dell’Ottocento. I Sinebrychoff, originari della Russia, arrivarono a Helsinki per iniziare la produzione e l’esportazione di birra, attività ancora fiorente ai nostri giorni. Furono soprattutto Paul e la moglie Fanny a impiegare le loro immense risorse economiche per acquistare opere di artisti di pittori olandesi e fiamminghi del Seicento e del Settecento, e qualche italiano del Cinquecento (Allori, Salviati). In breve tempo, a partire dall’inizio del Novecento, ogni industriale (molti vennero dall’industria della lavorazione del legno, della carta e dall’editoria) cominciò a desiderare una collezione di arte antica da esporre accanto ai moderni, e ogni collezione un consulente che scovasse l’opera più prestigiosa al miglior prezzo.  
Fino ad allora l’assenza di figure professionali regolari aveva spinto i primi collezionisti a viaggiare personalmente alla ricerca di opere, ma presto il numero di consulenti crebbe, incoraggiato dalla disponibilità di fondi che si era venuta a creare nel Baltico orientale. Sono nomi noti a molti studiosi dell’argomento: Henryk Bukowski, Tancred Borenius, Louis Richter, Bertel Hintze, Osvald Sirén, solo per citare i più noti.
Tra essi spicca la figura di Osvald Sirén, che merita di essere brevemente delineata per il suo impatto sul collezionismo dei primitivi tra la Finlandia e la Scandinavia.
Di origini svedesi, accademico, conoscitore, consulente, Sirén pubblica la sua tesi di dottorato nel 1905 su Lorenzo Monaco, a cui seguirono studi su Giotto e la sua scuola. Fu il primo a scrivere della Madonna dell’Umiltà di Lorenzo Monaco in collezione Berenson, studioso che Sirén conobbe personalmente a Firenze e che confermò in seguito l’attribuzione nel 1909[19]. Nel 1917 diventa curatore del Museo di Stoccolma e pubblica il catalogo delle opere degli italiani presenti nelle collezioni reali svedesi; nello stesso anno cura una mostra newyorkese dal titolo Italian Primitives in aid of the American War Relief, riuscendo a mettere insieme un notevole numero di collezionisti americani e opere di Primitivi (tra i nomi delle opere figuravano ben quattro Simone Martini, un Botticelli, un Fra Angelico e persino un Pietro Cavallini)[20]. La sua competenza lo portò a essere per molto tempo il principale consulente dei Sinebrychoff, ma le sue attribuzioni non furono sempre una garanzia. Era infatti pratica diffusa tra gli storici dell’arte  del tempo scoprire nuove opere dei Grandi Maestri sulla base di prove più o meno attendibili[21]. Con non poche difficoltà Sirén convinse la giovane coppia Synebrichoff , che preferiva collezionare artisti olandesi e svedesi piuttosto che italiani, ad acquistare un Moroni, poi rivenduto, un Ritratto di signora attribuito a un seguace dell’Allori, e il Ritratto di prelato di Francesco Salviati, da lui creduto Sebastiano del Piombo[22], entrambi ancora visibili nelle collezioni del museo. In uno dei suoi viaggi negli Stati Uniti, Sirén venne a contatto con l’arte cinese e ne divenne, da allora, uno dei maggiori esperti.

L’indipendenza

Siamo negli anni Dieci del Novecento. Si organizzano le prime mostre di arte dei Primitivi in Finlandia[23], e sebbene non ottengono il successo sperato, segnano ormai l’inizio dell’affermazione di un gusto, che troverà nei decenni a venire un pubblico sempre più colto ed esigente[24] (fig. 2). Nel 1917 la Finlandia conquista l’indipendenza dalla Russia, dopo secoli di dominazioni straniere. Il processo lungo, complesso, multiforme che ha portato alla consapevolezza di un’identità nazionale da difendere, ha visto tra i protagonisti gli esponenti della cultura cui abbiamo qui brevemente accennato. Attraverso gli scrittori, i poeti, gli architetti, gli artisti, i professori di estetica e storia dell’arte, i collezionisti e i consulenti, il Medioevo e il Rinascimento italiano entrano nella cultura finlandese, ispirano opere che hanno contribuito a creare nell’immaginario collettivo un modello (ideale) di Rinascimento, un’età aurea, di una società coesa, un modello possibile a cui guardare.
Il gusto dei Primitivi non ha conosciuto da allora fasi di arresto, grazie soprattutto all’intelligente politica di acquisti delle fondazioni[25] e dei musei che, ereditando le opere dei collezionisti citati, desiderano mantenerne la continuità.


[1] H. Wolfflin, L’arte classica nel Rinascimento, Sansoni, Firenze 1964, p. 13

[2] Studi fondamentali sui ‘primitivi’ – i pittori del Trecento e del Quattrocento italiano, secondo l’accezione della storiografia artistica ottocentesca – sono stati condotti da Bernard Berenson, Lionello Venturi, Giovanni Previtali e Francis Haskell. Per le problematiche relative all’uso del termine ‘primitivo’ nella storia dell’arte del Novecento si veda Primitivism in 20th century art: affinity of the tribal and the modern, catalogo mostra a cura di W. Rubin, Museum of Modern Art, New York 1985, 2 voll., vol. I, p. 2.

[3] H. Selkokari, Kalleuksia Isänmaalle - Eliel Aspelin-Haapkylä taiteen keräilijänä ja taidehistorioitsijana, [I tesori per la patria – Eliel Aspelin-Haapkylä come collezionista e storico dell'arte],Suomen muinaismuistoyhdistyksen aikakauskirja - Finska fornminnesföreningens tidskrift, Helsinki 2008

[4] Osvald Sirén (1879–1966), voce redatta da M. Törmä, in corso di pubblicazione in Georges Bloch Jahrbuch vol. 12, ed. by Wolfgang F. Kersten and R. Daniel Schneiter. Zürich. Ringrazio la studiosa per le segnalazioni bibliografiche anche inedite.

[5] Tra questi si vedano: D. Sutton, Art in Finland, in “Apollo”, n. 243, maggio 1982 (numero speciale dedicato all’arte in Finlandia), p. 361-369; Ateneum. Valtion taidemuseon museojulkaisu - Statens konstmuseums årsskrift - The Finnish National Gallery bulletin, Helsinki, 1992 (numero speciale dedicato all’arte italiana in Finlandia).

[6] In particolare si vedano: Italialaisia renessanssimaalauksia suomalaisissa kokoelmissa [I pittori del Rinascimento italiano nelle collezioni finlandesi], Helsingin yliopiston taidehistorian laitos, Suomen taideakatemian säätiö, Institutum Romanum Finlandiae, Helsinki 1988, 2 voll.; Humanismin lähettiläät : italialaisia taideaarteita Belgradin kansallismuseon kokoelmista & valikoima italialaista taidetta suomalaisista kokoelmista / Envoys of Humanism : Italian art tresures from the collection of the National Museum in Belgrade & a selection of old Italian art from Finnish collections,  catalogo mostra a cura di J. Gallen-Kallela Sirén e al., Tampere Art Museum 14.5. - 2.10.2005; C. Hjelm, Det äldre italienska måleriet i Gyllenbergs samling [L’arte italiana antica nella collezione Gyllenberg], in Signe och Ane Gyllenbergs stiftelse. Studier i äldre utländsk konst i finländska och svenska museer, (simposio di studi tenuto a Villa Gyllenberg, Helsinki, 2005), Acta Gyllenbergiana 6, Helsinki 2007, p. 45-71. Ringrazio Luca Maurizi per la traduzione dell’articolo.

[7] A. Lindström, La plus ancienne collection de l’Ateneum, in : Atenum art bulletin, 1963, p. 35. Si veda anche H. L. Paloposki, The early years of the Finnish Art Society’s collection, in: Ateneum. Valtion taidemuseon museojulkaisu - Statens konstmuseums årsskrift - The Finnish National Gallery bulletin, Helsinki, 1993; S. Pettersson, Public and Private: The main categories of art collection in Finland in: Nordisk Museologi, n. 1, 1998, p. 67-82

[8] Tra i primi ad acquistare arte primitiva italiana fu lo scultore Walter Runeberg. Egli visse a Roma quasi tutta la sua vita. Negli anni tra il 1860-70 egli acquistò una Madonna in trono, attribuita al Maestro di Monte Oliveto o al Goodhart Master, oggi al museo Sinebrychoff. Non sembra che l’acquisto diede seguito alla nascita di una collezione di Primitivi.

[9] La Società Archeologica di Finlandia promosse diverse spedizioni per censire il patrimonio culturale presente sul territorio e fornire alla Finlandia la percezione di un passato artistico di cui riappropriarsi. Durante la seconda spedizione nel 1874 fu rinvenuta l’opera di antichi maestri più ‘celebre’ in Finlandia: il cosiddetto Altare di Santa Barbara, un polittico scolpito nella parte centrale e dipinto sulle ante laterali, che illustra la storia di Santa Barbara dalla giovinezza al martirio. Attribuita a Meister Francke, datata 1415 circa, la tavola fu originariamente realizzata per la chiesa dei domenicani di Amburgo, e fu scovata nella chiesa di Kalanti nel sudovest del paese. Come la pala sia arrivata lì ancora non è noto, ma è plausibile che fosse diretta alla cattedrale di Turku, la capitale della Finlandia svedese e la diocesi più importante all’epoca. L’opera suscitò l’interesse del mondo accademico. Nel 1903 fu acquistata dalla Fondazione Antell ed è oggi confluita al Museo Nazionale a Helsinki. Si veda: R. Pylkkänen, Sancta Barbara :  the legend of Saint Barbara, Helsinki, Suomen Kansallismuseo, 1966, s. p.  Per la storia della collezione Antell: T. Talvio, H. F. Antell ja Antellin valtuuskunta, Museovirasto, Helsinki, 1993

[10] P. Suhonen, Akseli Gallen-Kallela, käsityöläinen ja osallistuja - Akseli Gallen-Kallela, craftsman and participator, catalogo mostra Gallen-Kallela museo, 27.4.-1.10.1989, Tarvaspää, Espoo, p. 32. Gli studi di Tikkanen suscitarono l’interesse di diversi studiosi europei tra cui Berenson (il fondo Tikkanen conserva i carteggi dello studioso con le principali personalità della cultura storico-artistica del tempo in Europa. È consultabile presso l’Archivio speciale della Biblioteca Nazionale di Helsinki – Kansallikirasto, coll. 242). Sulla figura di Tikkanen e i rapporti con l’Italia si vedano gli studi di Johanna Vakkari, di cui il più recente Focus on Form – J.J. Tikkanen, Giotto and Art research in the 19th century, Suomen muinaismuistoyhdistyksen aikakauskirja - Finska fornminnesföreningens tidskrift, n. 114, Helsinki 2007

[11] Le copie di Enckell sono state recentemente esposte all’Ateneum di Helsinki in occasione della mostra J.J.Tikkanen – Pioneer of art history in the Finnish scientific world, mostra a cura di J. Vakkari, Ateneum – National Library, Helsinki, 4.12.2007 –26.2.2008

[12] Desidero ringraziare Janne Gallen-Kallela-Sirén e Johanna Vakkari per le indicazioni che hanno orientato questa parte delle ricerche.

[13] Allorché la dominazione russa si fece più opprimente, i finlandesi guardarono con partecipazione ai movimenti indipendentisti europei; dall’Italia arrivavano notizie sulle gesta di Garibaldi e del suo esercito, rendendolo un eroe della libertà anche nel paese scandinavo. Si veda Le Relazioni tra l’Italia e la Finlandia, in: Il Veltro, n. 5-6 anno XIX, sett.-dic. 1975

[14]A. Lindström,  Jean-Baptiste par Ugolino de Sienne au musée d’art de l’Ateneum , in : Ateneum. Valtion taidemuseon museojulkaisu - Statens konstmuseums årsskrift - The Finnish National Gallery bulletin, Helsinki, 1968, p. 44-46.  

[15] H. Selkokari, Eliel Aspelin as researcher of ancient Greek sculpture – a detour, or a breakaway from C. G. Estlander?, in: The Shaping of Art history in Finland, Taidehistoriallisia Tutkimuksia n. 36, Taidehistorian Seura / Society of Art History, Helsinki, 2007, p. 143

[16] Ibidem, p.154.i conflitti linguistici aprono anche un interessante capitolo sullo studio dei Primitivi: lo scrittore Juhani Aho, celebre e prolifico autore di novelle e romanzi, scrisse bellissime pagine sugli affreschi di Santa Croce a Firenze e sulla superiorità della pittura murale medievale e protorinascimentale su quella moderna da cavalletto.

[17]Lo stato di conservazione era un fattore sovente determinante, poiché ne abbassava il prezzo e rendeva l’opera accessibile ai collezionisti più audaci. Del dipinto si sono occupati Sirén, Zeri, De Marchi. Si veda: K. Eskelinen, The Adoration of the Magi – A masterpiece, in Taiteen Muisti, Konservoinnin Kerrostumia – Art’s Memory, Layers of Conservation, catalogo mostra Sinebrychoff Art Museum – Finnish National Gallery, Helsinki 2006, p. 81-83.

[18] Fu solo nel 1911 che il museo si arricchì della prima opera italiana antica: il Cristo coronato di spine di Giovanni Bellini, datato agli ultimi anni di attività del pittore. La cosa appare curiosa se si pensa che direttore del museo, dal 1900 al 1907 e dal 1926 al 1942, fu Osvald Sirén, il maggiore studioso e consulente di opere d’arte primitive, fautore di diversi importanti acquisti per collezionisti finlandesi. Non sembra che Sirén abbia raccolto una sua personale collezione di arte. A lui si deve però l’ingresso nel museo di Stoccolma del San Sebastiano del Perugino, datato 1500, entrato nelle collezioni nel 1928.
Nationalmuseum Stockholm, catalogo delle collezioni, Scala publ., Londra, 1995, pp. 76-81; si veda anche S. Karling, The Stockholm University - Collection of Paintings, catalogo delle opere, Stoccolma, 1978.

[19] In La collezione Berenson, a cura di F. Russoli, Officine Grafiche Ricordi, Milano, 1962, p. XXXII

[20] O. Sirén, M. W. Brockwell, Catalogue of the Loan Exhibition of Italian Primitives in aid of the American War Relief, F. Kleinberger Galleries, New York, 1917

[21] K. Kartio, in: Sinebrychoffin taidekokoelma /Sinebrychoff Art collection. Juhlanäyttely / A celebratory exhibition, catalogo mostra Sinebrychoff Museum – Kerava art museum, 1.7 – 29.8 1993, Helsinki, 1993, p. 30 e 128-9

[22] K. Kartio, op. cit., p. 128.

[23] Le prime mostre si tennero a Helsinki nel 1910 e nel 1915. Si veda C. Hjelm, Det äldre italienska måleriet i Gyllenbergs samling, op. cit, p. 46-47.

[24] Ancora negli anni Cinquanta Onni Okkonen, professore universitario di storia dell’arte e raffinatissimo collezionista di arte italiana,  cinese e giapponese, acquista a Firenze per 500.000 lire una tempera su tavola, la Madonna con Bambino e angeli di Bernardo Daddi (fig. 2), forse l’opera italiana più antica in Finlandia, certamente tra le più belle da ammirare. Laureatosi su Melozzo da Forlì, Okkonen visse in Italia dal 1921 al ‘24. In contatto con i maggiori storici dell’arte del tempo, fra cui Adolfo Venturi, assemblò una delle più belle collezioni d’arte in territorio finlandese, oggi conservate al Museo d’Arte di Joensuu. Per la parte di arte italiana si veda: Madonna. Onni Okkosen Eurooppalainen kokoelma [Madonna. The European collection of Onni Okkonen], Joensuu taidemuseon julkaisu, n. 1, 2001.

[25] Per il ruolo delle fondazioni in Finlandia si veda A. Perna, Lo sviluppo dell’arte moderna finlandese e il ruolo delle fondazioni, in Baltico Mediterraneo. Italia e Finlandia a confronto, catalogo mostra a cura di S. Rossi, Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo, 23.1 – 10.4. 2007, p. 40-60.

foto
Ugolino di Nerio, San Giovanni Battista, Helsinki, Sinebrychoff Art Museum

foto
Bernardo Daddi, Madonna con Bambino e sei angeli, Joensuu, Taidemuseo


Scarica in versione pdf